Bonus Facciate: detrazione pari al 90% delle spese sostenute

20 Novembre 2019
0 Commenti

La Manovra 2020 introduce un sostanzioso sgravio Irpef in caso di interventi di ristrutturazione degli esterni degli edifici, condominiali ma anche singole unità, per chi ristruttura nel 2019 e nel 2020.

La percentuale per la quale sarà possibile richiedere il cosiddetto bonus facciate è pari al 90% delle spese sostenute per interventi sulle facciate. Secondo la relazione tecnica di accompagnamento al Ddl di Bilancio, il valore economico del dispositivo, introdotto su proposta del ministro dei Beni Culturali, potrebbe raggiungere i 4 miliardi.

Il tetto di spesa e le modalità di fruizione della nuova agevolazione fiscale sono ancora in fase di definizione, ma grazie a questi sgravi molti centri urbani del nostro Paese potrebbero “rifarsi il trucco”, attraverso il recupero di facciate fatiscenti con una ristrutturazione o un restauro. Anche in questo caso, come già avviene per gli altri bonus ristrutturazioni, il recupero sulla spesa sarà percepito in dieci quote annuali.

Il bonus facciate potrà essere richiesto sia per interventi ordinari che straordinari per il recupero delle facciate, con lavori che possono riguardare – ad esempio – la tinteggiatura, il rifacimento dei marmi di facciata o sui balconi, la sostituzione dei cavi, degli impianti pluviali, etc.

Questa nuova agevolazione sarà cumulabile con altre misure per il risparmio energetico: sarà dunque possibile eseguire lavori di ristrutturazione delle facciate e, allo stesso tempo, intervenire con lavori detraibili secondo l’attuale Ecobonus.

© 2019 – 2020, MORABITO IMMOBILIARE MILANO. RIPRODUZIONE RISERVATA