Il valore del (verde progettato) - Magazine Morabito Immobiliare

Il valore del verde progettato

Giugno 18, 2021 Di ,


Una conversazione con Massimo Semola, tra i principali architetti paesaggisti italiani


Considerato tra i principali architetti paesaggisti italiani Massimo Semola (massimosemola.it - progettazione-giardini-milano.it) ha alle spalle un lungo percorso di progettazione di spazi verdi, sia privati sia pubblici, che lo ha portato ad avere una conoscenza vastissima in ogni campo. Massimo Semola in questo periodo è, come potete immaginare, super impegnato, ma ha risposto volentieri ad alcune nostre domande e per questo lo ringraziamo.


Cominciamo da un quesito forse scontato ma necessario: secondo lei quanto incide un intervento da parte di un progettista del verde nella valorizzazione di una proprietà, sia che si parli di giardino sia che si parli di terrazzo?
Un progetto è ciò che fa la differenza, come fa la differenza la scelta del progettista: ognuno hai il suo stile e la sua visione. Se poi l’investimento è importante, a maggior ragione ci si dovrebbe domandare quali potrebbero essere i risultati, senza lasciare nulla al caso o all’improvvisazione. Un progetto ben fatto non mira a soddisfare al momento, ma guarda a un risultato che si potrà apprezzare in un futuro prossimo, e poi sempre crescendo negli anni a venire, prevenendo quegli errori dettati dalla superficialità e che potrebbero portare a interventi drastici e dolorosi quando invece sarebbe il momento di godere del lavoro fatto tanti anni prima.

Giardino in stile formalecontemporaneo, con siepi di alloro potate e grandi vasi lilla.

Giardino in stile formalecontemporaneo, con siepi di alloro potate e grandi vasi lilla.<br /><br />
Giardino di campagna informale: la terrazza di design risalta tra la vegetazione.

Giardino di campagna informale: la terrazza di design risalta tra la vegetazione.<br /><br />
Terrazza con pergolato in ferro battuto e arredi in stile classico.

Terrazza con pergolato in ferro battuto e arredi in stile classico.<br /><br />
Terrazza in stile minimalista con arredi in legno e acciaio inox.

Terrazza in stile minimalista con arredi in legno e acciaio inox.<br /><br />
Chiarite queste premesse, resta da capire quando e come bisogna rivolgersi all’architetto paesaggista e quanto è importante la corretta valutazione di ogni aspetto del progetto: location, esposizione, latitudine, rapporto con il corpo centrale dell’abitazione, usi e abitudini dei proprietari…
Sia che si tratti di nuova edificazione sia di ristrutturazione di un appartamento, è bene che il paesaggista venga coinvolto già nelle prime fasi di progetto. In un giardino la posizione degli ingressi, sia pedonale sia carrabile, può risultare determinante, così come la disposizione degli impianti; ne dipende che anche viali, percorsi, aree pavimentate e parcheggi sono parte integrante del progetto. E altrettanto vale per la posizione e la forma della piscina. In una terrazza, invece, l’ubicazione delle uscite dell’acqua è sovente sottovalutata, quando non dimenticata. Altro elemento vincolante dovrebbe essere la disposizione degli impianti di allarme.


Facciamo ora un’altra ipotesi: dal momento che non tutti hanno il pollice verde e non possono/vogliono rivolgersi con frequenza a imprese di manutenzione specializzate, pensa sia importante, in fase di progettazione, capire quale sarà la reale attenzione che il cliente dovrà avere per il proprio verde e scegliere soluzioni di più o meno facile manutenzione?
Credo che questa valutazione sia, più che importante, fondamentale. Che il committente sia un esperto giardiniere o un neofita, il fattore manutenzione rientra tra le linee guida di un progetto che abbia probabilità di successo.


Per il vialetto del giardino di campagna sono state utilizzate lastre Vecchia Milano con fughe in cemento e ghiaia.

Per il vialetto del giardino di campagna sono state utilizzate lastre Vecchia Milano con fughe in cemento e ghiaia.<br /><br />
Un giardino formale
a minima manutenzione.

Un giardino formale<br />a minima manutenzione.<br /><br />
Il giardino a 10 anni dalla realizzazione; la vegetazione ha trovato il giusto equilibrio.

Il giardino a 10 anni dalla realizzazione; la vegetazione ha trovato il giusto equilibrio.<br /><br />
Ingresso carraio con pavimentazione in acciottolato, pilastri in mattoni di recupero e portone in legno di rovere.

Ingresso carraio con pavimentazione in acciottolato, pilastri in mattoni di recupero e portone in legno di rovere.<br /><br />
Venendo all’attualità: ci sono delle tendenze qualificanti nel campo dell’arredo di un giardino?
Oggi gli stili si sommano, si va da reminiscenze romantiche a tendenze contemporanee. Direi che fondamentalmente i gusti oscillano tra informale e formale-contemporaneo. Ma è soprattutto la composizione della vegetazione a essere cambiata; oggi si tende a selezionare molto, riducendo il numero delle varietà. In campagna i giardini sono tendenzialmente più grandi, generalmente hanno una superficie dai 1500 mq in su, fino ad arrivare a comprendere aree boschive o a prato stabile. È facile che il committente sogni un giardino in stile paesaggistico (in realtà consono solo ai grandi spazi) o più propriamente informale. In città invece tutto è misurato, e il gioco sta nel fare rendere al massimo ogni centimetro quadrato, componendo il quadro come un puzzle dove tutto trova la sua corretta posizione. Formale e informale possono anche convivere, con soluzioni sorprendenti, tutto sta a armonizzare spazi e visuali.


Vale quindi la pena investire in arredi e materiali per rendere il nostro giardino ancora più bello?
Sui materiali non si discute. Una brutta pavimentazione, e dico brutta, non povera, vanifica in partenza ogni sforzo progettuale. Investire su un materiale che non dà garanzie di tenuta nel tempo è pari a buttare denaro. Gli arredi invece completano il progetto e sono elementi decorativi tanto importanti quanto le piante e l’illuminazione. Naturalmente si devono abbinare allo stile del giardino e del terrazzo e devono essere adatti a stare all’aperto, al sole o sotto la pioggia. Oggi i mobili da outdoor sono molto più curati dal punto di vista estetico, ma occorre valutare anche la loro resistenza perché, anche se fosse possibile ritirarli in inverno, un giardino e soprattutto una terrazza così spogliati dai loro arredi mettono davvero tristezza!


La piscina si affaccia sul Tirreno;
il mosaico ripropone il colore del mare.

La piscina si affaccia sul Tirreno;<br />il mosaico ripropone il colore del mare.<br /><br />
Intervento paesaggistico su grande scala: le betulle in primo piano portano una nota di colore in ogni periodo dell’anno.

Intervento paesaggistico su grande scala: le betulle in primo piano portano una nota di colore in ogni periodo dell’anno.<br /><br />

Un progetto ben fatto non mira solo a soddisfare al momento, ma guarda a un risultato che si potrà apprezzare in futuro

Massimo Semola
massimo-semola.png

© MORABITO IMMOBILIARE. RIPRODUZIONE RISERVATA

Giugno Luglio Agosto 2021
Letto 101 volte Ultima modifica Venerdì, 18 Giugno 2021 17:44
Vota questo articolo
(0 Voti)

C O V E R

mishome-summer-edition-2021-magazine-immobiliare.jpg

Editoriale

N.6 / SUMMER EDITION 2021

 

CARI LETTORI, 

PER L’ESTATE APPENA ARRIVATA abbiamo progettato un nuovo numero più ricco di interviste e di news. La nostra SUMMER EDITION apre con un’analisi del quartiere che ruota intorno a SAN SIRO, con lo Stadio e l’Ippodromo oggetto di grossi cambiamenti. Le mete fuori città sono MENAGGIO e le CINQUE TERRE, due località per un’estate slow. Tre le INTERVISTE: all’ARCHITETTO MASSIMO BRAMBILLA che svela la filosofia dei suoi progetti, a MASSIMO SEMOLA, architetto paesaggista che consiglia come organizzare il verde a seconda delle situazioni, e al costruttore ANDREA ALLEGRI, che spiega i nuovi fondamentali criteri dell’edificare rispettando la l’ambiente e la salute. E poi, i segreti dell’HOME STAGING, che valorizza con gusto e creatività un’abitazione, i nuovi CONDIZIONATORI ECOSOSTENIBILI, le CHAISE LONGUE in metallo e altro ancora… 

 

BUONA LETTURA E BUONA ESTATE

Francesco Morabito

 

CONTINUA A LEGGERE

Hanno collaborato: Michela Arosio, Massimo Brambilla, Anastasia Bellegoni, Elisabetta Romanò, Federico Sella.

Segreteria di Redazione: Fabiola Arienti

Scarica il magazine

Scarica la versione PDF della SUMMER EDITION 2021

 

TUTTE LE EDIZIONI

Seguici & Iscriviti

Inserisci la tua mail per ricevere il magazine in PDF

Articoli Più Letti

Su Facebook

condominio magazine morabito immobiliare