L’architetto giapponese Kengo Kuma porta a Milano l’architettura biofilica

kengo kuma milano architettura biofilica

A Milano, al Parco Lambro, nell’ex area industriale Rizzoli l’architetto giapponese Kengo Kuma porta un progetto basato sulla biofilia: si tratta di Welcome, feeling at work, edificio destinato a uffici pensato per integrare spazi lavorativi, benessere umano e sostenibilità costruttiva. Vediamo di che cosa si tratta.

Gli uffici biofilici progettati da Kengo Kuma a Milano

La riqualificazione del quartiere ex Rizzoli sarà completata entro il 2024: sui terreni attorno al Parco Lambro di Milano Kengo Kuma proporrà un innovativo esempio di architettura biofilica. Si tratta di un edificio per uffici, sviluppato in orizzontale, organizzato in sei corpi interconnessi e realizzato in legno. 50.000 metri quadri di corpi modulari flessibili, pensati per assecondare la luce naturale e rendere l’esperienza lavorativa più vivibile, grazie a una concezione del verde come parte integrante del progetto. Ma l’edificio di Kengo Kuma è pensato anche in chiave sostenibile: emissioni di CO2 ridotte al minimo, nessun utilizzo di combustibile fossile, pannelli fotovoltaici, controllo dei consumi, recupero dell’acqua, circolarità nei materiali da costruzione.

L’architettura biofilica di Kengo Kuma

L’architettura biofilica è la tendenza a progettare edifici che mettono in connessione uomo e natura attraverso un dialogo con il verde, la luce naturale e l’aria. Ampiamente utilizzati dall’architettura biofilica sono anche i materiali sostenibili e le tecniche costruttive a minor impatto ambientale. Per Kengo Kuma il futuro dell’architettura è la biofilia: costruzioni che utilizzano materiali naturali e innovativi, il cui scopo è tenere legati a doppio filo uomo e natura.

Hai trovato interessante questo articolo? Iscriviti alla newsletter per ricevere i nostri aggiornamenti
Inserire un indirizzo email

© 2022, MORABITO IMMOBILIARE MILANO. RIPRODUZIONE RISERVATA